sabato 8 agosto 2020

Pink Shirtmaker London

 
Pink Shirtmaker London è il brand inglese specializzato nella produzione di camicie per eccellenza; fondato nel 1984 dai fratelli James, Peter and John Mullen. L'azienda nel suo store di Londra e di New York offre la possibilità di realizzare la propria camicia, offrendo il servizio su misura in parallelo alle camicie standard pensate per differenti utilizzi e funzioni. Il must have del brand son o le righe, patter su cui vengono sviluppati la maggior parte dei modelli e fit. 

mercoledì 5 agosto 2020

dad cap _ accordingtomich

@accordingtomich nasce come una collezione di fotografie che si sono trasformano in una moodboard digitale in formato polaroide. Un confort estetico che unisce arte, interior design, automobili e un po’ di menswear da cui nasce l'idea di presentare e produrre un dad cap sfoderato in cotone naturale con logo cucito tono su tono che ne abbracci il mood.  Realizzato in 50 esemplari è disponibile online su accordingtomich.com

domenica 2 agosto 2020

Interview with Luca Massaro


Luca Massaro, classe 1991, è artista visivo italiano. Lavora sul rapporto tra testo e immagini attraverso una decontestualizzazione data dallo scatto, il cui soggetto sono parole che si aprono a differenti letture. Fra i libri pubblicati vi è Vietnik, sviluppato durante tre anni di soggiorni in America. Di seguito l'intervista con Luca. 

Chi è Luca Massaro e qual è il percorso che ti ha portato a diventare artista?
Credo che il percorso vero sia iniziato al Liceo Classico a Reggio Emilia grazie a una ottima professoressa di Italiano e a una persona che frequentavo all'epoca. Fin da molto piccolo, i miei genitori ci lasciavano disegnare sulle pareti della mansarda. Pur essendo lontani dall'arte e della fotografia (non abbiamo mai avuto macchine fotografiche in casa), frequentavano alcuni amici da cui ho scoperto che l'Arte poteva essere un mestiere: mi ricordo un signore che abbracciava gli alberi e un dipinto "graffito" –che all'epoca mi sembrava simile a quelli che facevamo noi in mansarda– molto apprezzato e rispettato da tutti. In un certo senso ho fatto da sempre quello che faccio ora: suonavo io la chitarra che avevano regalato a mio fratello o dipingevo con le tempere del mio prozio, sempre con la serietà e l'applicazione della scrittura, all'inizio le scritte sui muri in mansarda. Ho studiato letterature francesi e inglesi a Milano e Parigi, e parallelamente lavoravo nella redazione di un magazine: più che le cose che scrivevo, gli editor apprezzavano le mie fotografie e da lì è nato questo doppio legame tra immagine e parola che dura tuttora.

La tua ricerca ruota attorno alle parole fotografate che diventano immagini comunicative, che creano un dialogo attraverso la loro decontestualizzazione, in contrasto con la loro collocazione originaria. Mi racconti cosa caratterizza il tuo lavoro?
Sì, fin dal 2010 fotografo parole, non so, forse perché studiavo linguistica e semiotica all'Università, o perché avevo un amico graphic designer e avrei voluto essere uno scrittore, o perché avevo letto quell'anno Ficciones di Borges, in cui la città immaginaria dell'incipit, Uqbar, si trova "alla congiunzione di uno specchio e un'enciclopedia". Ho un archivio di 1001 parole, tra le fotografie scattate in Europa, Giappone, Messico, America, ecc. Il primo esito di questa ossessione è stato un libro pubblicato da Danilo Montanari Editore nel 2015, "Foto Grafia", in cui ho selezionato solo le parole che avevano a che fare con il medium fotografico. All'epoca mi interessava il lato concettuale di ibridazione di significato e significante, poi pian piano la realizzazione è diventata sempre più attenta all'installazione tridimensionale: ho iniziato a estrarre, con procedimenti vettoriali (propri della grafica commerciale), alcune scritte dai miei appunti fotografici e a stamparle sulle superfici più diffuse nella grafica pubblicitaria e nel mediascape online e urbano, come vetro, plexiglass, billboard, lightbox, anche in collaborazione, in progetti offsite e online (www.gluqbar.xyz). Da piccolo sfogliavo un libro di Ghirri e tutte le pubblicità di moda sui giornali di mia madre: il risultato non è più fotografia concettuale nostalgica, nè i lightbox patinati da duty-free dell'aeroporto, ma quell'intersezione un po' schizofrenica di questi due mondi con cui sono cresciuto.

venerdì 31 luglio 2020

Stone Island x Porter _ Reflective weave Ripstop

Stone Island e Porter presentano una serie di zaini, borse e accessori caratterizzate da un tessuto tecnico in nylon riflettente. La capsule Reflective weave Ripstop è composta da porodotti dal design basico e funzionale, pensati per essere utilizzati in qualunque occasione.

giovedì 30 luglio 2020

Daniel Silver x Acne Studio

Daniel Silver sviluppa una serie di grafiche per una capsule di t-shirt firmata Acne Studio. L'artista inglese presenta ispirando alle statue dell'antica grecia crea una serie di sculture contemporanee mescolando differenti materiali che sono stati assemblati direttamente dall'artista.

martedì 28 luglio 2020

Galatic Halo _ Esther Pearl Watson

Galatic Halo è il libro auto-prodotto in risograph di Esther Pearl Watson che raccoglie gli ultimi lavori prodotti. I soggetti raffigurano l'universo dell'artista americana attraverso un invasione di astronavi che ricorrono nei suoi dipinti in contesti rurali e desolati. Il libro può essere acquistato qui e vi arriverà autografato e con un disegno originale nella prima pagina.

sabato 25 luglio 2020

F155 Clapton _ FREITAG

Freitag presenta F155 Clapton, il nuovo zaino espandibile all'occorrenza. Ideato per gli spostamenti urbani e le gite fuori porta è idrorepellente, con bretelle rinforzarte e caratterizzato da una serie di dettagli catarifrangenti per essere utilizzato 24 ore su 24.

giovedì 23 luglio 2020

18east x Padmore & Barnes _ Single-cut

 Dalla collaborazione fra 18eastPadmore & Barnes nascono una serie di modelli di calzature esclusive single-cut. Le scarpe, originalmente indossate dai pescatori dell'isola di Aran in Irlanda sono a taglio unico, ovvero ogni modello viene è composto da un unico pezzo che viene tagliato con un unico taglio e poi assemblato andando così a costituire la tomaia prima di assemblarla alla suola. La capsule presenta 4 modelli in colorazioni differenti ed è disponibili in pochissimi esemplari in esclusiva nello shop di 18east.

martedì 21 luglio 2020

Studio Ghibli Skateboards edition

Studio Ghibli presenta una limited edition di tavole da skateboard per lo nuovo store di Tokyo caratterizzate dai personaggi iconici dei suoi lungometraggi. Da Totoro, dell'omonimo film, al castello del Cielo alla Città Incantata compaiono sul set di tavole prodotte come oggetto in edizione limitata ed esclusiva. 

lunedì 20 luglio 2020

RE:DESCENTE _ Circular Collection

Il brand giapponese Descente presenta una capsule circolare caratterizzata dal recupero e ricostruzione dei capi fallati o invenduti dai tessuti econostenibili e biodegradabili. RE:DESCENTE presenta principalmente capospalla e maglieria contraddistinta da tinture naturali dove i capi sono caratterizzati da un patchwork nella costruzione per garantire il minimo spreco nel taglio e la massima utilizzabilità del tessuto.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...