lunedì 22 gennaio 2018

Sol LeWitt. Between the Lines _ Fondazione Carriero

Between the Lines è un dialogo fra lo spazio e le opere di Sol LeWitt, il rapporto e la dimensionalità dei luoghi nei lavori site-specific dell'artista statunitense. La personale alla Fondazione Carriero è curata da Francesco Stocchi e Rem Koolhaas che puntano a offrire un punto di vista nuovo sulle opere dell'artista attraverso disegni e sculture. Le sale offrono una panoramica attraverso i lavori identificativi dell'artista che si impossessano delle pareti della fondazione incuranti del loro fisicità, ma riproducendo il progetto di Sol LeWitt.

venerdì 19 gennaio 2018

Anticamera Location _ a book about place

 Forse chi non è del settore non può capire la necessità di cercare ogni volta una location differente per gli scatti dei lookbook, degli editoriali o dei contenuti web; Anticamera Location risolve tutto ciò. L'agenzia opera con location scouting proponendo spazi interessanti dove fotografare. Il progetto è diventato un libro che si presenta come un portfolio di location utilizzate dall'agenzia e non solo, un biglietto da visita per presentare il proprio lavoro e scoprire luoghi inediti di Milano e non solo.

mercoledì 17 gennaio 2018

GOLF le FLEUR* x Converse

 Golf le Freur* presenta la seconda capsule collection con Converse. The Creator reinterpreta il classico modello one star trasformandolo in un fiore in tre colori tono su tono. Da domani le snearkers sono acquistabile nel sito di Converse.com.

lunedì 15 gennaio 2018

Preview from Pitti Immagine Uomo 93 _ untitleDV report

Iniziato gennaio ed eccomi a Pitti Uomo, siamo alla 93° edizione. Come di consueto mi trovo a girovagare per gli stand per scoprire le collezione fall/winter 2018 e fare due chiacchere. L'attenzione è sui capospalla, dove il capotto viene reinterpretato in differenti materiali e tessuti; c'è MSD green Army che presenta capi dal gusto militare con ricami e inserti importanti, Milano140 che opta per volumi over unendo tessuti di lana pesante a dettagli in nylon, mentre Barena Venezia utilizza il patchwork. Il brand giapponese Snow Peak presenta kimoni in piumino per l'outdoor, mentre Danton opta per una giacca workwear in lana cotta. Big Uncle per la collezione autunno/inverno 2018 valorizza la maglieria, proponendo in una serie di colori pastello; 1st pat-rn presenta outfit su più layer sovrapponendo giacche e capi in piumino leggero presenti anche nella collezione di Camo ma dal gusto più sportwear. Buttero espone una serie di boots da montagna in differenti modelli caratterizzati da suola vibram. Sul fronte accessori Mismo disegna una tote-bag che diventa zainetto in nylon, un prodotto dal design essenziale e funzionale.

mercoledì 10 gennaio 2018

Vintage55 - Itineris _ interview with Marco Vedovato


Marco Vedovato è il designer di Vintage55 e Itineris, il percorso che lo ha portato ad oggi inizia da lontano, da un viaggio da cui ha appreso conoscenze e ispirazioni, attraverso incontri e scoperte. Le due realtà, dialogano fra loro attraverso una proposta differente ma complementare che con l'apertura del nuovo store in Brera raggiunge il suo culmine. Di seguito vi propongo la mia chiacchierata con Marco.



Chi è Marco Vedovato e qual'è il tuo percorso che ti ha portato alla guida di Vintage55 e Itineris?
Sono un semplice designer che ha sempre viaggiato molto per lavoro. Il punto di partenza di questo viaggio è stata l’esperienza nel centro ricerca di Armani a Modena e poi ad Hong Kong. Li ho avuto la fortuna di incontrare professionisti e colleghi che mi hanno insegnato molto e trasmesso la passione per la ricerca. Nel 2015 dopo varie consulenze sono tornato in italia ho incontrato il mio socio Marco Sarno (fondatore di Vintage55) con cui abbiamo deciso di condividere le nostre esperienze e portare avanti entrambi i brand con uno stesso team.

Disegni vintage55 e Itineris, cosa caratterizza i due brand come nascono le collezioni? Da dove trai ispirazioni per il design dei tuoi capi?
Quello che muove tutto è sempre la curiosità.
Itineris è il guardaroba di un nomade moderno (il mio) e si basa su un design molto semplice. La collezione nasce dalla ricerca nei tessuti. Da qualche capo vintage, o in qualche viaggio a Tokyo o in un piccola fabbrica di tessuti dove, assieme al titolare, studio i tessuti per la collezione prossima.
Luigi Parisotto è una di quei professionisti con cui condivido ancora la passione per la ricerca e la qualità e mi dà la possibilità di avere i tessuti in esclusiva.
Vintage55 nasce da una ricerca sull’Heritage ma reinventata in un contesto moderno e urbano. Quindi le ispirazioni vengono più dai viaggi di ricerca che faccio alla ricerca di qualche pezzo vintage oppure in qualche libro. Ovviamente al giorno d’oggi anche online si possono trovare molte indicazioni. Tuttavia penso che l’entusiasmo che provo ogni volta che porto in collezione un dettaglio di un cappotto trovato in un mercatino in giro per il mondo sia impareggiabile.

Il prodotto proposto da Itineris è sofisticato, una ricerca sui tessuti e sui lavaggi che creano un sapore vissuto. Come nasce il brand e cosa lo caratterizza?
Vivevo ad Hong Kong e viaggiavo molto, settimanalmente, quindi avevo bisogno di una o due piccole valigie sempre pronte. Di conseguenza necessitavo anche di un guardaroba essenziale ma raffinato, facile da abbinare e adatto a tutte le situazioni, formali e non. Penso che sempre più persone abbiano le stesse necessità , Da qui l’idea di creare un brand che vendesse questo genere di capi e potesse mescolare la mia passione per la ricerca nei materiali. Inoltre penso che la passione per il Giappone abbia aggiunto un tocco di Internazionalità al brand.

E' stato da poco aperto il nuovo negozio Vintage55 a Milano con all'interno un corner dedicato ad Itineris, come nasce l-idea di integrare i due marchi?
Oltre ad avere una tipologia di mercato simile, Il core business di Vintage55 sono t-shirt e le felpe mentre per Itineris i capospalla quindi a livello di merceologie si integrano perfettamente.
Inoltre, essendo il designer di entrambi i marchi, è stata una evoluzione graduale ma spontanea.

lunedì 8 gennaio 2018

hobo _ Suede Two-Way Tote Bag

hobo presenta una tote bag reversibile in suede. La pelle in verde army e beige, prodotta in Giappone risulta pratica ed essenziale, adatta all'utilizzo quotidiano; può essere portata a tracolla oppure a mano. La tote bag è acquistabile su Coverchord in verde army o beige.

sabato 6 gennaio 2018

Bittersweet _ Noma Bar

 Bittersweet è il libro/portfolio di Noma Bar. L'illustratore israeliano di nascita raccoglie i suoi lavori a partire dagli anni '60, caratterizzato da immagini ambivalenti. Il libro viene così introdotto da Noma Bar "Il sesso è un argomento delicato, e mi sembra che l'illustrazione sia un ottimo modo per affrontare quella sensibilità".

venerdì 5 gennaio 2018

entre amis _ Capsule Collection

 entre amis presenta una capsule collection dei propri modelli iconici prodotti in solo dieci articoli per un totale di 100 pezzi. La capsule collection sarà disponibile solamente nel corner della Rinascente fiorentina dove saranno allestite una serie di vetrine in collaborazione con l'artsita Gennaro Regina il quale proporrà una performance dedicata.

BEAMS x ASICS GEL-Mai G-TX

Beams reinterpreta il modello GEL-Mai G-TX di Asics sui toni del verde creando un effetto comouflage. La sneakers unisce pelle scamosciata a fibre gore-tex con suola EVA per ogni condizione atmosferica e confort.

domenica 24 dicembre 2017

Museums League _ Made in Catteland

 Art For All è il progetto di Maurizio Cattelan con Seletti per veri art-ultras per tifare il proprio museo del cuore. "Per parafrasare la nota dichiarazione di Joseph Beuys, ‘everybody can be an artist’, mi piace pensare che ‘everyone can be a collector”, spiega Maurizio Cattelan. Ripensando gli store dei musei coinvolti, l'artista presenta una sciarpe souvenir  come simbolo della città che li ospita. Insomma, Cattelan ha fatto contro anche con questo progetto!
I musei coinvolti sono sparsi per tutto il mondo, tra cui il MoMa, il Guggenheim, il Whitney, il Moca, il Bass, la Fondatio Beyeler, il Palais de Tokyo, il Pirelli HangarBicocca, la Triennale, la Fondazione Prada, la Fondazioen Sandretto Re Rebaudengo, il Catello di Rivoli, l'Hamburger Bahnhof  e molti altri in cui si possono acquistare le sciarpe Made in Catteland.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...